Probiotici innovativi
Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
ESG 2017
OncoGinecologia

Tumore alla mammella: la Vitamina-D riduce il dolore articolare e muscolare causato dagli inbitori della aromatasi


Alti dosaggi di Vitamina-D alleviano i dolori articolari e muscolari di molte pazienti con cancro al seno che assumono farmaci per abbassare il livello di estrogeni, secondo uno studio della Washington University School of Medicine a St Louis negli Stati Uniti.

I farmaci, noti come inibitori della aromatasi, sono comunemente prescritti per ridurre i tumori alla mammella stimolati dall’ormone estrogeno e per contribuire a prevenire le recidive del cancro.
Gli inibitori della armatasi sono meno tossici della chemioterapia, ma per molte pazienti questi farmaci possono causare gravi disturbi muscolo-scheletrici, tra cui dolore e rigidità a mani, polsi, ginocchia, fianchi, parte bassa della schiena, spalle e piedi.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Breast Cancer Research and Treatment, sostiene che circa la metà delle pazienti possa sperimentare questi sintomi.
Le pazienti. entrate nello studio, avevano anche bassi livelli di vitamina D.

Metà del gruppo è stato assegnato in modo casuale a ricevere la dose giornaliera raccomandata di Vitamina D ( 400 unità internazionali, UI ), più una capsula di Vitamina D da 50.000 unità una volta alla settimana.
L'altra metà ha ricevuto la dose giornaliera di 400 unità di Vitamina D più un placebo settimanale.
Tutti i soggetti hanno ricevuto 1.000 milligrammi di calcio al giorno nel corso dello studio.

I risultati hanno mostrato che le pazienti in trattamento con alte dosi di Vitamina D hanno riportato meno dolore muscolo-scheletrico e hanno anche avuto meno probabilità di manifestare dolore in grado di interferire con la vita quotidiana.

Come l’Anastrozolo utilizzato in questo studio, anche gli altri due inibitori dell'aromatasi approvati dalla FDA, Letrozolo ( Femara ) ed Exemestane ( Aromasin ), causano dolore muscolo-scheletrico.
Visti gli effetti collaterali simili, anche le pazienti in terapia con questi farmaci possono trarre beneficio da alte dosi di Vitamina D.

La vitamina utilizzata in questo studio è un tipo di derivazione vegetale chiamato vitamina D2.
I migliori risultati sono ottenuti quando viene somministrata settimanalmente, perché l’organismo la metabolizza entro 7-10 giorni.
Nello studio non sono state usate alte dosi di Vitamina D3, che persiste nel corpo più a lungo.

Dal momento che la Vitamina D aiuta l'organismo ad assorbire il calcio, una dose eccessiva può causare alti livelli di calcio nelle urine, aumentando il rischio di calcolosi renale. Pertanto è necessario monitorare i livelli di calcio nelle urine delle pazienti durante il trattamento con alte dosi di Vitamina D. ( Xagena2011 )

Fonte: Washington University in St Louis, 2011



Onco2011 Gyne2011 Farma2011


Indietro