Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Ematobase.it

Carcinoma dell’ovaio


I sintomi del carcinoma ovarico sono spesso comuni e vaghi che ne rendono difficile la diagnosi precoce. Esistono più di 30 diversi tipi di tumori ovarici, classificati a seconda della tipologia cellulare interessata da cui possono originare. Alcuni tipi sono benigni e non invadono altri distretti corporei, mentre i tumori maligni oltre a localizzarsi a livello ovarico, sono in grado di diffondersi ad altre parti del corpo.
Dal momento che il tumore dell'ovaio nelle fasi iniziali non dà sintomi, allo stato attuale non esiste un metodo efficace per la sua diagnosi precoce. Di solito viene diagnosticato in fase avanzata e dopo la diagnosi solo circa la metà delle donne sopravvivono più di cinque anni.
Per il 25% dei tumori ovarici che vengono diagnosticati precocemente, la percentuale di sopravvivenza a distanza di 5 anni è del 90%.
Studi hanno dimostrato che la prognosi e la sopravvivenza dipendono, in gran parte, da quanto l'asportazione del tessuto tumorale è completa durante l'intervento chirurgico iniziale. Pazienti che non hanno alcun tumore residuo dal primo intervento chirurgico o che presentano noduli del diametro inferiori a 1 cm, hanno migliori probabilità di sopravvivenza a lungo termine.

I tipi più comuni di carcinoma dell'ovaio maligno sono tre:

a) Tumori epiteliali, originano a livello dell'epitelio che riveste la parte superficiale delle ovaie. Circa il 90% dei tumori ovarici sono di questo tipo. Il rischio di carcinoma ovarico epiteliale aumenta con l'età, manifestandosi soprattutto nelle donne oltre i 60 anni di età, anche se può svilupparsi a qualsiasi età;

b) Tumori germinali dell'ovaio, originano dalle cellule germinali che danno origine agli ovuli. Rappresentano il 5% dei tumori ovarici. Questo tipo di tumore colpisce soprattutto le adolescenti e le giovani donne di età inferiore ai 30 anni, anche se si può verificare nelle donne di qualsiasi età;

c) Tumori stromali, originano dallo stroma gonadico, tessuto che sostiene l'ovaio e produce gli ormoni estrogeni e progestinici. I tumori stromali sono relativamente rari e rappresentano il 5% di tutti i tumori ovarici. Nei primi stadi della malattia le donne soffrono di disturbi addominali ( senso di pesantezza, tensione addominale ) e dolore.

La maggior parte delle donne manifestano sintomi che possono essere attribuibili a disturbi meno gravi come indigestione, aumento di peso o conseguenze dell'invecchiamento.
Se però, dovessero verificarsi i sintomi sotto riportati è opportuno contattare il medico: disturbo o dolore addominale ( cattiva digestione, gonfiore addominale, crampi ); gonfiore, o sensazione di pienezza e sazietà, anche dopo un pasto leggero; nausea, diarrea, stitichezza o frequente minzione; inspiegabile perdita o aumento di peso corporeo; mancanza di appetito; sanguinamento vaginale; insolita stanchezza. ( Xagena2010 )

Fonte: MD Anderson Cancer Center, 2010


Onco2010 Gyne2010



Indietro