Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Gastrobase.it

Terapia per disturbi endocrini e metabolici in gravidanza e allattamento


Diabete

È una malattia che se non controllata in maniera adeguata può essere causa di malformazioni fetali, macrosomia, polidramnios, ecc.

Gravidanza: l’utilizzo dell’insulina non è pericoloso per il feto in quanto il farmaco non oltrepassa la barriere placentare; anche gli antidiabetici orali non sono associati a malformazioni fetali però il loro effetto-controllo sulla glicemia è più limitato rispetto all’insulina.

Allattamento: attenzione deve essere rivolta alla Talbutamide monitorando il lattante per ittero ed ipoglicemia.
Gli altri farmaci non sono considerati rischiosi perché o non vengono escreti ( insulina ) o vengono rilasciati nel latte in quantità trascurabili.

Disturbi della tiroide

La disfunzionalità tiroidee possono essere responsabili di problematiche sia materne che fetali.

Ipertiroidismo: basso peso alla nascita, eclampsia, mortalità perinatale, scompenso cardiaco materno.

Ipotiroidismo: basso peso alla nascita, mortalità perinatale.

In gravidanza in corso di ipotiroidismo la terapia sostitutiva con Levotiroxina non comporta alcun rischio per il feto; lo stesso dicasi in corso di ipertiroidismo con l’utilizzo del Propiltiouracile.

Il Metimazolo potrebbe dare difetti del cuoi capelluto nel feto ( malformazione comunque non ancora provata ).

Il Propiltiuracile, è ad oggi il farmaco di elezione sia durante la gravidanza che in allattamento. ( Xagena2010 )

Gyne2010


Indietro